Filosofia per tutti di Stefano Fontana

Rilanciamo qui la recensione di Benedetta Cortese

FILOSOFIA PER TUTTI, PERCHE’ LA FILOSOFIA E’ SEMPLICE
Il nuovo libro di Stefano Fontana

FILOSOFIA PER TUTTIE’ in libreria il nuovo libro di Stefano Fontana: “Filosofia per tutti. Una breve storia del pensiero da Socrate a Ratzinger” (Edizioni Fede & Cultura, Verona 2016 – www.fedecultura.com). Si tratta di una presentazione “in duecentomila caratteri” della storia del pensiero condotta con un linguaggio molto semplice.

Non si tratta solo di esposizione sintetica ma anche di valutazione, sicché il lettore ha davanti una veloce mappa della buona e della cattiva filosofia.

Fare correttamente filosofia è di fondamentale importante per fare correttamente teologia. La filosofia è come una chiave che apre alcune porte ed altre no. L’enciclica Fides et Ratio di Giovanni Paolo II dice che la teologia adopera per forza una filosofia, anche quando dice di non adoperarne nessuna.

Questo perché la filosofia è la grammatica della teologia.

Si comprende allora che la filosofia è strategica per la Chiesa. Se i suoi seminaristi, poi sacerdoti e poi vescovi, bevono una cattiva filosofia anche la loro comprensione del deposito della fede sarà diverso. Tanti aspetti della crisi della Chiesa oggi dipendono dalle strade filosofiche che la teologia ha preso e dalla teologia che si insegna nei seminari, negli studentati teologici e nelle università cattoliche.

Il libro si esprime in modo semplice, perché la filosofia è semplice. Essa fa parlare le cose e dice, in modo articolato, quello che anche un bambino vede. Questo fino a che essa ha tenuto fermo il realismo.

Da quando invece i filosofi hanno dato la precedenza al pensiero rispetto all’essere, la filosofia si è avvitata artificialmente su se stessa, parlando solo di se stessa e delle proprie nevrosi e non più della realtà e della verità.

Un piccolo errore all’inizio è grande nella conclusione: quando in montagna ci troviamo davanti ad un bivio, il primo passo che facciamo è quello decisivo. Così anche in filosofia è decisivo il modo con cui ci si rapporta inizialmente all’essere.

Fontana passa in rassegna tutta la filosofia antica, medioevale e moderna, esaminando anche autori assolutamente contemporanei. Giunge fino – come si dice nel sottotitolo – a Ratzinger.

Il breve libretto è quindi una miniera di informazione e di valutazioni. Viene documentato anche l’ingresso della impostazione sbagliata della filosofia moderna nella teologia cattolica e i pericoli per la fede che questo comporta.

Si dà un giudizio sul personalismo, sul modernismo, sulla filosofia della tradizione, sulle moderne filosofie liberali da Habermas a Rawls, sulla filosofia del dialogo di Buber e Lévinas, sull’evoluzione del comunismo nel postcomunismo borghese e individualista, su del Noce, Gilson e Cornelio Fabro … giungendo fino a Ratzinger, nel cui pensiero e nel cui pontificato si erano poste le basi per una corretta ripresa del dialogo tra ragione e fede ed era stata impostata la questione anche filosofica della verità in modo da permettere una ripresa dopo la crisi.

Benedetta Cortese

PS: rivedi IN VIDEO la presentazione di Stefano Fontana che NON FA SCONTI A NESSUNO: http://www.fedecultura.com/p/vetrina_30.html#!/Filosofia-per-tutti/p/70629003/category=18198140

Condividi:

Posted in Recensioni, Filosofia | Tagged , , | Leave a comment

La via del “Noi Inclusivo” di Luca Cipriani

Fototessera 10004Ci fa molto piacere pubblicare l’articolo di Avvenire del 23 settembre 2016 dedicato agli amici di Happy Network e che puoi leggere più sotto. 

La sottolineatura che viene fatta nell’articolo dello slogan “Vita tua,vita mea” è un aspetto molto significativo e indica la via per un autentico “noi inclusivo” che naturalmente va collocato nel giusto contesto, per non ridurlo ad un generico ” vogliamoci bene”.

Cosa significa “noi inclusivo”? Cosa o chi si deve includere?

La prima inclusione è quella che riguarda l’uomo nella sua totalità e cioè la considerazione globale dell’uomo che comprende oltre alla sua dimensione materiale anche quella spirituale che di fatto viene invece negata dalle ideologie relativiste e laiciste ( ateismo pratico: si accetta una dimensione spirituale dimezzata ridotta al privato che di fatto è la sua negazione).

La seconda inclusione riguarda la verità della storia; la realtà storica per essere realmente vitale deve includere il proprio “dover essere”, cioè riconoscere a attuare la verità oggettiva inscritta nel proprio essere;questo dover essere rimanda di necessità al proprio garante e per questa via rientra a pieno titolo la presenza ( e anche la necessità metafisica)  di un Dio garante che appunto si fa storia misurandosi con la libertà umana.

Solo per questa via il “noi inclusivo” può estendersi alla totalità della famiglia umana sempre e solo sotto forma di proposta mai come imposizione. La via del “noi” è impegnativa ma è la via che consente una autentica sopravvivenza e convivenza umana costruttiva.

AVVENIRE- HAPPY NETWORK

Condividi:

Posted in Metafisica, Economia | Tagged , , , | Leave a comment

Infoaziende e la sua crescita dinontorganica

happy-training-750x350INFOAZIENDE E LA SUA CRESCITA DINONTORGANICA ALL’INTERNO DELLA RETE HAPPY NETWORK

InfoAziende, impresa che si occupa di sistemistica e di ICT, sita a Gioia del Colle, è legata, ormai da anni, al modello dinontorganico. Partner di Fastweb, Cisco e Sharp, InfoAziende segue il mercato delle aziende sull’intero territorio nazionale.
Una crescita e uno sviluppo che InfoAziende ha, certamente, raggiunto attraverso l’applicazione concreta del dinontorganismo. A fine del 2012 InfoAziende ha compiuto una scelta importante: proseguire il proprio percorso non come singola azienda, ma in rete. E’ infatti entrata a far parte, successivamente, della rete di imprese Happy Network, realtà che si occupa di fornire servizi ad imprese e professionisti attingendo al know how di ogni azienda retista.

Nell’esperienza di InfoAziende, quindi, appare evidente che la rete abbia rappresentato e rappresenti ancor più oggi, lo strumento attraverso il quale meglio si esprime l’essenza del dinontorganismo, ovvero operare in funzione della “Vita dell’Impresa” con il profitto che diventa e viene vissuto come una “Conseguenza” e non come “Fine Ultimo dell’Attività Imprenditoriale”

Con lo stesso spirito opera anche la rete, attraverso una volontà comune di condivisione di obiettivi e risorse, puntando alla vita e alla crescita di ogni singola azienda, ma al contempo anche dell’intero network.

La rete e l’azienda operano, quindi, secondo i principi dinontorganici, in funzione della vita propria e altrui sintetizzando il concetto di “Vita Tua Vita Mea”.

Pertanto, la singola azienda e la rete si presentano come immerse nel dinamismo essenziale della realtà e delle dinamiche del mercato, con tutte le azioni che chi opera all’interno del contesto aziendale è chiamato a compiere, azioni che devono essere finalizzate all’adattamento ed ai nuovi contesti che il mercato propone.
Seguire il principio essenziale del “Dinontorganismo”, ovvero Vita Tua Vita Mea, corrisponde per un’azienda, a considerare il servizio non come fine ultimo, legato al profitto, ma come qualità di quanto viene offerto al mercato.

L’effetto di questa “Logica Costruttiva” applicata ai processi operativi aziendali si esplica su due piani: quello operativo e quello fenomenico. Dal punto di vista operativo, la scelta di essere parte di una rete, anch’essa ovviamente Dinontorganica, ha portato effetti positivi: una riduzione e ottimizzazione dei costi di gestione, una facilità, dato il dinamismo insito nella rete, di adattamento al mercato e conseguentemente, un riscontro effettivo in termini di fatturato, numero di clienti e marginalità. In quattro anni InfoAziende è cresciuta e il suo fatturato è passato dai circa 700 mila euro del 2011 a circa 2 milioni di euro nel 2015.

Sul piano fenomenico, alla scelta di applicare le “logiche dinontorganiche” nei processi costruttivi aziendali (dalle scelte strategiche ai processi operativi finali) si ha un evidente riscontro che si concretizza in un senso di appartenenza ed una capacità di confronto nella quale il singolo opera in funzione della Vita dell’impresa e l’impresa stessa, a sua volta, opera in funzione della Vita del singolo.

Il dipendente è parte di una realtà, si sente ascoltato e spronato a migliorarsi, non è una semplice pedina, ma un elemento importante che può dare tanto, grazie alle sue competenze e propensioni, all’interno dell’intera organizzazione, sia come singola azienda e sia come azienda coinvolta nella rete.

Non si tratta, quindi, di svolgere esclusivamente un compito, ma di sentirsi coinvolti nel contesto aziendale. Happy Network
Dal canto loro, i clienti di InfoAziende ed in generale di Happy Network, presentano un livello di soddisfazione elevato, riscontrato attraverso un costante monitoraggio del livello di qualità del servizio offerto.

A conferma di ciò, e di quanto l’approccio dinontorganico sia positivo, basti pensare che, negli ultimi cinque anni, InfoAziende vanta solo clienti acquisiti. Un discorso simile concerne il rapporto con i fornitori, identificati nella loro essenzialità e, pertanto, in un legame di rispetto reciproco e di scambio servizio/qualità. Si potrebbe, non erroneamente, parlare di partnership, aspetto che riguarda anche la concorrenza, vista non come una minaccia, ma come un’opportunità, una relazione positiva.

Lo strumento della rete ha rappresentato un vero e proprio agevolatore e acceleratore di questi processi di crescita, di lavoro comune e scambio, il tutto in un’ottica di rispetto e di accrescimento dell’armonia relazionale tra singoli soggetti, tra singoli soggetti ed aziende e tra aziende stesse, ben sintetizzando, quindi l’essenza del dinontorganismo che come già indicato in precedenza può ben indentificarsi con il concetto di “Vita Tua Vita Mea”.

Condividi:

Posted in Economia | Tagged , , | Leave a comment

L’essenza della felicità – Roberto Roggero

L’essenza della felicitàOro Viviani2

La felicità è la realizzazione della propria natura di organismo dinamico.

Proprio in queste olimpiadi mi sono scoperto  davanti alla TV mentre tifavo appassionatamente Continue reading

Condividi:

Posted in Uncategorized, Metafisica | Leave a comment

L’ex operaio fa borse d’oro e assume malati di tumore

Lo slogan di Nuova Costruttività è Vita Tua Vita Mea, per questa ragione ti segnalo un’impresa che ha deciso di guardare oltre le apparenze.

Leggi l’intervista scritta e guarda il video:

INTERVISTA: http://www.ilgiornale.it/…/lex-operaio-fa-borse-doro-e-assu….

Fatturato e dipendenti (da 2 a 240) cresciuti dell’11mila per cento in 12 anni per la BB di Marco Bartoletti. Porte spalancate anche a disabili psichici e pensionati: “Sono una ricchezza”
ILGIORNALE.IT

Condividi:

Posted in Società, Economia | Tagged , , | Leave a comment

Un sindaco a misura di famiglia di Diego Marchiori

Un sindaco a misura di famiglia di Diego Marchiori 

Marchiori DiegoSe dovessimo individuare un tema scottante e di assoluto interesse nell’attuale panorama politico, non potremmo non prendere in considerazione la questione famiglia. Oggi, come viene vista la famiglia dalla politica? Esistono delle Continue reading

Condividi:

Posted in Famiglia, Politica, Dottrina Sociale della Chiesa | Tagged , , , , | 1 Comment

IL DILEMMA DELLA MORALE NEL TEMPO ATTUALE – parte 4 – di Piergiorgio Roggero

Dopo aver visto nella news n°17 i primi due processi esaminiamo ora il terzo processo che converge insieme agli  altri nella morale.

PiergiorgioIl ruolo della religione nelle culture statico-sacrali

La religione è il modo attraverso la quale l’uomo e le culture tentano di rappresentare, interpretare e gestire la relazione con il mistero, il destino, la vita e la morte, il rapporto con il divino.

Essa viene investita nelle culture statico sacrali di un ruolo ritenuto estremamente importante: il ruolo di custode delle regole della vita, delle regole che in qualche modo definiscono il rapporto con il mistero e dentro le quali è permesso al popolo di vivere. Continue reading

Condividi:

Posted in Teologia | Leave a comment

Non basta ai cattolici dire no a utero in affitto e adozioni. Inaccettabili sono le stesse unioni gay – di Stefano Fontana

Chi si sta impegnando per il ritiro del ddl Cirinnà dovrebbe porre attenzione ad una posizione oggi abbastanza diffusa anche tra i cattolici, ecclesiastici e laici che siano. Questa idea è riassumibile in questa frase: sì alle unioni civili, no alle adozioni, e può creare non poca confusione. L’idea di fondo è che nella società di oggi ci sia una Continue reading

Condividi:

Posted in Società, Famiglia, Politica | Tagged , , , | Leave a comment

Il “pastoralismo” di Stefano Fontana

Il “pastoralismo”, malattia infantile del catto-pietismo 

di Stefano Fontana

 Le incertezze e le paralisi che la Chiesa italiana ha reso evidenti nella confusione sulla linea da prendere a proposito del disegno di legge Cirinnà hanno un nome: pastoralismo. Una Chiesa che si è così a lungo macerata e lacerata su una cosa in vero molto Stefano Fontanasemplice da fare, come opporsi ad una legge disumana da tutti i punti di vista, richiede una ragione culturale: il pastoralismo. Il pastoralismo ha fatto dire a tanti vescovi e sacerdoti che le manifestazioni di piazza rompono il dialogo e non costruiscono.

Il pastoralismo ha fatto pensare a molti che non bisogna più  Continue reading

Condividi:

Posted in Metafisica, Dottrina Sociale della Chiesa, Teologia | Tagged , , | 1 Comment

Seminario – 16/20 nov. Roma

Seminario Demaria 2015 - 05 rid

Un bel gruppo di giovani filosofi si è misurato per una settimana ( dal 16 al 20 nov.) con la metafisica organico/dinamica presso la Pontificia Università Salesiana sotto la guida del rettore don Mauro Mantovani aiutato da un nutrito gruppo di amici imprenditori che, tra la sorpresa degli studenti, hanno raccontato la filosofia dal punto di vista dell’economia concreta.Il seminario è stata anche l’occasione per ricordare un caro amico : Emmanuele Morandi.

Condividi:

Posted in Eventi | Leave a comment